Menù istituzionale

 

UNICATT

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Torna a

Torna a:

Progetto Olio per la Vita. Descrizione

La Descrizione del Progetto

Il Burundi Team

25 novembre 2009, Prima Sezione

Il progetto "Olio per la Vita" si propone di realizzare un olio, derivato dai frutti dell'avocado, che possa integrare la magra dieta del popolo burundese: il Burundi è uno dei Paesi più poveri dell'Africa e del mondo. Il Progetto è nato in Facoltà di Agraria nel lontano 2003 presso l'Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-alimentare grazie alle ricerche guidate dal Prof. De Faveri e svolte in collaborazione con l'Associazione Amici dell'Africa di Cardano al Campo (Va), nella persona del Sig. Renato Iametti. Il sostegno di Regione Lombardia, del Magis (Movimento Gesuiti per lo Sviluppo) e l'intervento dell'azienda Pieralisi di Jesi (An), hanno creato le opportunità, e le risorse, per la sua concretizzazione, giungendo alla realizzazione del processo e dell'impianto di estrazione dell'olio dai frutti.

Quanto fatto sinora ha previsto, la valutazione della migliore tecnica di estrazione dell'olio dai frutti focalizzando la scelta anche in funzione delle tecnologie più idonee e facilmente implementabili in Burundi. A questi primi passi è seguita la selezione delle varietà più idonee all'estrazione dell'olio, selezione operata già nel 2005 sul territorio dal dott. Francesco Fusca, all'epoca dottorando presso l'Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-Alimentare della Facoltà di Agraria. La successiva verifica della fattibilità industriale del sistema di produzione ha previsto il montaggio delle apparecchiature in Italia e il successivo trasferimento degli impianti in Burundi. L'impianto realizzato, e regolarmente funzionante dal 2006, ha un potenziale produttivo di circa 480 tonnellate di frutti l'anno. L'olio derivante, estratto con procedimenti meccanici, è destinato sia al consumo interno, sia all'esportazione.

Nell'ultimo intervento è stato, invece, predisposto un nuovo Progetto finalizzato alla Certificazione Biologica del prodotto, previo adeguamento igienico del sito di produzione.
Tre studenti della Facoltà di Agraria dell'Università Cattolica del Sacro Cuore accompagnati dalla Dott.ssa Milena Lambri, ricercatore presso l'Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-Alimentare della stessa Facoltà, si sono, quindi, recati a Murayi, provincia di Gitega, Burundi (Africa) dal 25 luglio al 22 agosto 2009.

Parfait Nitunga, iscritto alla Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari, Alice Luraschi Obonyo e Daniele Mautone, allievi di quella Specialistica in Qualità e Sicurezza Alimentare, hanno lavorato fianco a fianco con i 30 ragazzi appartenenti alla CO.PRO.TRA.CO. COoperative PROduction TRAvalil COmmercialisation, "Dutezanye Imbere" (Cresciamo Insieme) fondata a Murayi dall'Associazione Amici dell'Africa.