Menù istituzionale

 

UNICATT

 

DOCENTI

 

SEDI

I-catt

Programma BioD-days 2010

26 novembre 2010

tavola naturalistica di Marco Boetti

Mostra didattica:
“Biodiversità della provincia di Piacenza”
Museo Civico di Storia Naturale
via Scalabrini 107, alle ore 17

  1. mostra didattica
  2. esposizione di tavole naturalistiche, realizzate da Marco Boetti
  3. volume sulla flora piacentina "Checklist aggiornata e commentata della flora vascolare della provincia di Piacenza” di Giacomo Bracchi & Enrico Romani

L'iniziativa è promossa dal Museo civico di storia naturale in collaborazione con la Società Piacentina di Scienze Naturali. La mostra rimarrà allestita fino a marzo 2011 negli orari di apertura del museo. Nel periodo natalizio sarà affiancata dalla rassegna “I bambini del mondo disegnano l’ambiente: la Biodiversità” promossa da UNEP – Organizzazione delle nazioni Unite per l’Ambiente.

Biodiversità della provincia di Piacenza Biodiversità significa “diversità biologica” e comprende la diversità di specie, la diversità genetica e la diversità ecosistemica, compresi i relativi processi biologici. Data la sua complessità la biodiversità non è misurabile, ciò che però possiamo misurare è la “diversità”, ossia il numero di specie presenti in un dato luogo.

Il patrimonio floristico della provincia di Piacenza è costituito da 48 specie di felci, 4 specie autoctone di Gimnosperme (conifere) e 1.600 specie di Angiosperme. Per quanto riguarda invece la fauna dei vertebrati essa è costituita da circa 285 specie (mammiferi 65 specie, uccelli 140, pesci 48, anfibi 16 e rettili 16 specie).

Le tematiche affrontate dalla mostra sono rivolte in particolare a: Scrigni di biodiversità (zone umide, l’alta Valnure, gli affioramenti ofiolitici, i conoidi dei torrenti), la flora, le piante esotiche, la fauna a vertebrati, gli invertebrati.

Il percorso espositivo è completato da alcuni reperti delle collezioni di studio del museo, da una serie di pannelli dedicati alla microbiologia e all’entomologia realizzati dalla Facoltà di Agraria dell’Università cattolica e da vegetali dell’Istituto di genomica CRA di Fiorenzuola e della Fondazione Minoprio.